Ho passato la vita a credere che Carlo Croce fosse un signore elegante ed ora mi sento uno stupido

Carlo Croce (ala Charlie Cross)Ho passato la vita a credere che Carlo Croce fosse un signore elegante ed ora mi sento uno stupido. La sua iniziativa di raccogliere firme per convocare una assemblea straordinaria dei soci dello Yacht Club Italiano il cui scopo ultimo è inficiare l’elezione di Nico Reggio a presidente, penso che sia il gesto più volgare a cui abbia mai assistito nella mia vita velica. Di più, la più rozza, insensata iniziativa velica di cui sia mai stato testimone. Non si tratta di saper o meno perdere, siamo molto oltre questo. Siamo alla completa assenza del senso del ridicolo. C’è tutto un mondo che ride più su della sopraelevata che schiaccia quel circolo verso il mare. Mi hanno insegnato che niente è più grave dell’assenza del senso del ridicolo. Ebbene, questo signore sembra esserne immune. Sapevo già di aver frequentato delle scuole molto diverse da quelle di Charlie Cross (aka Carlo Croce), adesso ho la sensazione di aver vissuto su un pianeta diverso. Come fa Charlie a non vedere, capire, sentire, che quello stesso senso del ridicolo del quale è privo, in conpenso lo sta travolgendo? Non bisogna essere necessariamente dei soci dello YCI per sapere che quel circolo nelle ultime settimane ha voltato pagina, aperto ad un nuovo orizzonte che prescinde dalle paturnie di un anziano dirigente incapace per tutta la sua vita di dirimere una sola diatriba, per quanto minima e poi, di colpo, artefice di una guerra per bande. Che razza di metamorfosi è questa? Non mi viene in mente niente di diverso da un principe che si trasforma in rospo. Uno al quale scompare il blazer sempre impeccabile e rimane in canottiera sporca di sugo. Charlie Cross non è più e non sarà mai più il presidente dello YCI, a Genova lo sanno tutti, anche le bitte. Perché non farsene una ragione? C’è chi impiega una vita a crearsi un nome, una posizione, una credibilità. C’è poi chi quel nome se lo trova nella culla senza alcun merito. Brillando di credibilità, autorevolezza, riflessa, tanto grande è il genitore. E’ la differenza che passa tra una stella e un pianeta, no? Lei non ha brillato di luce propria e quella del suo nome non arriva a illuminare il pianeta rancoroso dove si è cacciato. In quanto al nome, c’è invece chi non fa niente per meritarselo e poi, al momento della pensione decide che è il momento di smascherare l’equivoco. Resta il fatto che tutti quelli che hanno creduto in lei come dirigente velico, caro signor Cross, oggi si sentono offesi, frustrati, indignati. O semplicemente cretini, come me.

Share This:

Testa o Croce?

Quella che vedete qui accanto è la foto di Charlie Cross (aka Carlo Croce) che è arrivata ieri sera nelle redazioni di tutti i giornali. Accompagnava uno sconcertante comunicato stampa di Immagina, la società di comunicazione che cura le pubbliche relazioni dello Yacht Club Italiano. Tra le cui socie figura Umberta Croce, nipote del presidente uscente del club medesimo. Un caso di nepotismo sul quale del resto ci siamo già intrattenuti. Abbiamo definito il comunicato sconcertante non per amor di polemica, semplicemente perché non è possibile usare un’altra parola. Come sapete si sono appena svolte le votazioni per il rinnovo delle cariche dello Yacht Club Italiano che ha eletto i 15 consiglieri che il prossimo 24 marzo, a loro volta, eleggeranno il nuovo presidente. Carlo Croce ha ottenuto, seppur di poco, il maggior numero dei voti.

Ma la sua rielezione è tutt’altro che certa. Anzi, analizzando i nomi dei componenti del Consiglio, ragionevolmente improbabile, dato che la maggioranza è orientata sul nome di Nico Reggio. Questa previsione deve essere risultata particolarmente indigesta a Charlie Cross che ha dato fiato alle trombe del suo ufficio stampa con un peana della sua attività e delle sue doti di dirigente. Un atto sconcertante, appunto, per una serie di motivi che proviamo ad elencare prima di entrare nel merito del comunicato. In questo momento tecnicamente Carlo Croce non è presidente dello Yacht Club Italiano. La carica è in sospeso sino al 24 marzo, quando ci saranno le elezioni. Usare l’ufficio stampa dello YC, sorvolando elegantemente che si tratta di sua nipote e che dovrebbe fare gli interessi di tutti (Nico Reggio incluso), per magnificare le sue doti è un gesto di rara volgarità. E forse anche di più, materia per i probiviri del circolo medesimo. Un gesto di volgarità da un signore che ha impostato tutta la sua vita personale di dirigente all’understatement, al tenersi lontano da ogni enfasi e polemica?

Verremo forse un giorno a sapere che si è trattato di un comunicato a sua insaputa? No, non c’è niente da ridere. Semmai da piangere scorrendo il comunicato che comincia così: “Esprime grande soddisfazione il Presidente dello Yacht Club Italiano, Carlo Croce, al termine dell’incontro di questo pomeriggio con il neo Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, Paolo Emilio Signorini.” Dunque il presidente che in realtà non è presidente intende prendersi un merito che non ha. Questo (prosegue il comunicato): “Il nuovo “BluePrint”, infatti, non prevede più il tombamento del Porticciolo, ma il mantenimento dello specchio acqueo che da oltre un secolo è sede di antichi e gloriosi club sportivi ed è punto di riferimento per centinaia di genovesi amanti degli sport remieri e nautici nonché fucina di tanti campioni olimpici italiani. «Le azioni di opposizione al tombamento esercitate in questi anni dallo Yacht Club Italiano e dagli altri Circoli nautici hanno finalmente portato all’esito sperato e perseguito – ha detto Carlo Croce – Sono contento che siamo riusciti a convincere il Presidente Signorini e l’architetto Piano che chiudere il Porticciolo sarebbe stato un grosso errore. Errore che avrebbe causato la perdita d’identità delle associazioni a tutto svantaggio dei loro soci tutti e degli atleti». Che faccia tosta. Tutti sanno a Genova, e allo Yacht Club Italiano meglio che in ogni altro luogo, che Charlie Cross ha fatto poco o niente (più niente che poco) nella gestione del “problema”. Anzi, il suo atteggiamento passivo è proprio forse la ragione principale dell’insoddisfazione dei soci. Sfociata nella votazione che promette di scalzarlo dalla presidenza. La votazione, appunto. Il comunicato stampa della nipote prosegue così. “Si tratta quindi di un importante risultato raggiunto dal Presidente Croce che ha avuto il suo riconoscimento anche all’interno dello Yacht Club. Infatti, per la sesta volta consecutiva, egli ha ottenuto il più alto numero di voti (248) tra i candidati alle elezioni per il Consiglio direttivo. In seno al quale viene nominato il Presidente.” Non ci sono bugie in questa affermazione, da un punto di vista formale almeno. Se però questa realtà viene meglio interpretata ci si accorge che nel 2001, anno della sua seconda elezione Croce aveva preso il 90% di preferenze dei votanti. 16 anni e 5 elezioni dopo le preferenze hanno appena superato il 50% dei votanti. Charlie Cross aka Carlo CroceUna caduta verticale che spiega meglio di ogni parola il perché la parabola dell’avventura di Charlie Cross sia alla fase finale. Insomma, sostenere, sic et simpliciter, che Croce per la sesta volta sia stato il candidato alla presidenza più votato consente di non fare peccato (cioè di non mentire). Ma omette un pezzo determinante di verità. Perduto ogni pudore il comunicato chiude parlando di palanche, cioè di vil denaro. Troviamo scritto: “Inoltre, durante l’ultima gestione, lo Yacht Club Italiano ha raggiunto la solidità finanziaria con bilanci fortemente positivi. I cui margini potranno essere reinvestiti nelle attività sociali e sportive in calendario nel prossimo quadriennio.” Insomma, grazie a Croce lo YCI ha fatto la grana. Perché, se arriva Nico Reggio, saranno debiti per tutti? C’era una volta Carlo Croce, un uomo elegante. Ci sono tanti molti modi di uscire di scena. E Charlie Cross negli ultimi mesi ha avuto modo di allenarsi a tal scopo. Uscito senza rimpianti di alcuno dalla presidenza FIV per limiti di mandato. Recordman di World Sailing, primo presidente non rieletto dopo il primo mandato nella storia dell’organizzazione. Croce non si rassegna alla prospettiva di lasciare anche la poltrona dello YCI. Sino al coprirsi di ridicolo con il comunicato stampa più inopportuno nella storia della vela italiana. La preghiamo mister Cross, la preghiamo in ginocchio. Ci dica che è stato scritto a sua insaputa. Almeno ci faremo una risata. Così viene solo da piangere osservando mesti gli ultimi bagliori del crepuscolo di ex dirigente. Pardon, ex dirigente elegante.

 

Share This: